Testi completi in italiano

Ricordi, sogni e riflessioni - C. G. Jung
Questo libro raccoglie la sostanza spirituale di un grande maestro della psicologia. Un'autobiografia che attraversa le zone più private e inaccessibili dell'animo umano. Jung cerca se stesso nella propria infanzia, nelle immagini sconvolgenti che caratterizzarono le sue prime esperienze oniriche, nel ricordo delle sue grandi passioni per la filosofia, la letteratura e le religioni, nella rievocazione dei suoi viaggi, fino ad arrivare al grande nodo esistenziale e teorico della sua vita: l'incontro e lo scontro con Sigmund Freud.
Ricordi-Sogni-Riflessioni-Di-Carl-Gustav
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
L'uomo e i suoi simboli - C. G. Jung
Costituisce una introduzione al suo pensiero, ed è l'unico testo a carattere dichiaratamente divulgativo pubblicato dal grande psicologo svizzero, venendo meno alle sue precedenti convinzioni, riguardo la divulgabilità ai non esperti delle sue teorie.
Oltre al passo di Jung: Introduzione all'inconscio, il volume raccoglie quattro contributi dei suoi più stretti collaboratori: Joseph L. Henderson, Marie-Louise von Franz, Jolande Jacobi e Aniela Jaffé. Ne risulta una esplicazione molto chiara ed essenziale, della psicologia analitica, un’esposizione di cosa sia l'inconscio collettivo e come questo si manifesta, espone quindi i capisaldi della psicologia analitica o psicologia del profondo e costituisce uno specifico studio sull'attività simbolica dell'umanità.
L-Uomo-e-i-Suoi-Simboli-Jung-Carl-Gustav
Documento Adobe Acrobat 860.5 KB
L'io e l'inconscio - C. G. Jung
"Poiché l'anima è un dato irrazionale e non può affatto essere equiparata, secondo l'esempio antico, a una Ragione piú o meno divina, così non c'è da meravigliarsi se nell'esperienza psichica c'imbattiamo assai di frequente in processi e in fatti vissuti che non corrispondono alla nostra
aspettazione razionale e che, per conseguenza, sono ripudiati dalla nostra coscienza razionalmente orientata. Il mantenere un simile orientamento sarebbe, ben s'intende, inadatto allo studio psicologico, in quanto estremamente antiscientifico: non si può suggerire nulla alla natura, se ne vogliamo osservare l'indisturbato andamento."
carl-gustav-jung-lio-e-linconscio.pdf
Documento Adobe Acrobat 481.4 KB